copertinaB200
copertinaB800

Forgiare lo spirito. Le radici millenarie del mental coaching nella filosofia orientale (Luca Terraneo)

15.00

IN USCITA IL 14 OTTOBRE

FORMATO A5

PAGINE 162

ISBN 978-88-3300-264-4

PRIMA EDIZIONE OTTOBRE 2021

Descrizione prodotto

Un viaggio teorico e pratico nelle radici millenarie del mental coaching, divenuto anche un corso che l’autore tiene presso l’Unitre. Il testo, diviso in due parti, inizia con l’analisi dei testi fondamentali della filosofia orientale dai quali derivano i principi del mental coaching, dal pensiero confuciano a quello buddhista, per poi approdare in una parte nella quale l’autore pone in evidenza gli aspetti più interessanti dal punto di vista delle discipline della Leadership, della Strategia e del Mental coaching.

Luca Terraneo, nato a Giussano nel 1973, si laurea alla Facoltà di Architettura ed Urbanistica del Politecnico di Milano. Successivamente lavora nello studio del maestro Giovanni Ronzoni, con il quale realizza alcune delle opere più rappresentative del movimento architettonico Minimalista. Dal 2014 apre il suo Atelier a Carate Brianza, in un vecchio fienile recuperato. Tra le sue opere architettoniche realizzate vi sono: Casa C.DC, Monza, 2014; Atelier Terraneo, Carate Brianza, 2014-19; Recupero di Fienili B-C, Monza, 2017-18. Tra le sue opere artistiche vi sono le serie: Incontro (2003-2004); Rinascita e fertilità (2007-2008); Eternità/ mutevolezza (2008-2012). Nel 2017 scrive il romanzo L’isolato. Nel 2019 pubblica il romanzo saggio Lofoten, KI/Youcanprint. Nel 2019 raccoglie alcuni dei suoi scritti sull’arte nel volume Il percorso di comprensione dell’arte. Nel 2020 scrive Il percorso di comprensione del cinema. Attualmente è docente di Storia e filosofia dell’arte, Storia del cinema, Filosofia orientale e Mental coaching all’Università Unitre, Cesano Maderno (MB).

Seguici sui Social 🙂

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.

Recensisci per primo “Forgiare lo spirito. Le radici millenarie del mental coaching nella filosofia orientale (Luca Terraneo)”